venerdì 24 marzo 2017

Recensione libro "Le profezie del destino - La ragazza gemini" di Carlotta Leto

Ciao a tutti! <3
Oggi sono qui per parlarvi di un libro di cui l'autrice (che ringrazio) mi ha gentilmente fornito una copia digitale proprio per proporvi la recensione odierna ;). Quindi, senza ulteriori indugi, direi di cominciare, altrimenti non finisco più ;D.


Titolo: Le profezie del destino - La ragazza gemini (Le profezie del destino #1)
Autore: Carlotta Leto
Editore: Selfpublishing
Data di pubblicazione: 30 dicembre 2016
Pagine: 311
Prezzo: €2,99 (ebook); €13,49 (cartaceo)
Genere: Urban fantasy, young adult, romance

Trama: Angelica, semplice studentessa torinese, scopre che nella sua classe è arrivato un ragazzo nuovo, Andrea. Ma presto capisce che il ragazzo non è ciò che sembra: sotto lo strato da semplice studente è nascosto qualcosa di molto oscuro. La giovane Angelica sarà quindi costretta a scontrarsi con una nuova realtà che la condurrà sin nel cuore nero dell'Inferno. Si ritroverà ad essere la protagonista di una profezia, il cui compimento cambierà le sorti del mondo intero. La giovane ragazza prenderà la decisione giusta? O seguirà il suo cuore? 

Recensione: Come spesso ricordo, le recensioni che posto qui sul blog sono semplice espressione di ciò che penso del libro che prendo in esame e non vogliono in alcun modo essere offensive, né nei confronti dell'opera stessa, né dell'autore/autrice, né delle persone a cui l'opera può essere piaciuta.
Detto questo, direi di iniziare per benino ;).
A livello di stile posso dire che lo stile non è niente male: scorrevole, semplice, presenta descrizioni dei luoghi in cui si svolge la storia molto dettagliate, al contrario dell'introspezione dei personaggi che (almeno secondo me) è mancata un po'. Scritto in terza persona, presenta l'intreccio e il suo svolgersi dai punti di vista dei vari personaggi che incontriamo passo passo.
Per quanto riguarda la trama, tanti punti a favore! L'ho trovata molto originale: on soltanto perché si parla di angeli e demoni (uno dei miei rami del fantasy preferito *^*), ma anche per come l'autrice ha saputo creare un mondo proprio in cui i buoni non sembrano buoni e i cattivi non sembrano cattivi. Un mondo dai connotati del tutto opposti rispetto a quelli a cui sono abituata. Una bella novità che mi ha lasciata particolarmente soddisfatta.
Cosa che, tuttavia, non posso dire di come i fatti nella storia si siano svolti né dei personaggi.
Per quanto riguarda i fatti, ho notato troppa fretta: tutto è accaduto in modo troppo veloce, a mio parere. La storia d'amore, le decisioni prese dai vari personaggi: tutto troppo veloce e, secondo me, poco approfondito. Soprattutto, la cosa che ho meno apprezzato è stata la facilità con cui i personaggi hanno ottenuto ciò di cui avevano bisogno: neppure una prova effettivamente difficile o rischiosa. Tutto sembrava far loro strada perché, in qualche modo, i personaggi trovavano subito la soluzione ad ogni loro problema, indifferentemente dalla portata della situazione. Come l'introspezione dei personaggi che tende a mancare in alcuni punti molto importanti nella storia, facendoli apparire piatti e, per certi versi, stereotipati.
Lei che è la brava ragazza. Lui il demone dal cuore tenero. Sarò sincera: amo da morire questi cliché quando si tratta di storie di questo tipo. Tuttavia, avrei di gran lunga preferito che i loro pensieri, le loro paure, i loro sentimenti, fossero stati analizzati più a lungo e più approfonditamente. Primo perché ho fatto molta fatica ad inquadrarli. Secondo perché, senza un minimo di introspezione, tutte le decisioni che hanno preso, a mio parere sono state davvero troppo avventate per tutto.
Non tanto quelle di lui (Azazel), quanto quelle di lei (Angelica)! Voglio dire, lei si ritrova improvvisamente contesa tra angeli e demoni e, benché creda nell'esistenza del mondo paranormale, non sembra provare il minimo disagio per tutto quello che in pochissimi giorni si ritrova a vivere! O almeno, a me non è sembrato che lei si sentisse mai a disagio, anzi :/.
Altra cosa che non mi è andata particolarmente a genio è stato lo sviluppo della storia d'amore: capisco i punti cardine della storia e capisco le dinamiche. Ma non capisco come tra due sconosciuti si possano provare quei forti sentimenti che Azazel e Angelica dichiarano di provare. Quando hanno avuto modo di conoscersi?! In questa situazione, per me il cosiddetto "fato" ha solo una piccola parte. Il resto sarebbe dovuto andare nelle mani dei protagonisti, cosa che, a mio parere, non è però successa :/.
Nel complesso, però, devo dire che è stata una lettura piacevole, che mi ha lasciata con un bel po' di curiosità alla fine della lettura ;). Penso che abbia un buon potenziale che potrebbe essere sfruttato meglio in seguito.

Voto:

Detto questo, la recensione di oggi si conclude qui ;). Fatemi sapere che ne pensate se avete letto il libro in questione, ci conto!!!! *^*
Ci sentiamo presto!
Un bacione, Letizia <3

2 commenti:

  1. Anche a me piacciono le storie con angeli, demoni e via dicendo, magari ci faccio un pensierino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella!
      Vai! Alla fine non è poi così male ;).
      Un bacio! ♡

      Elimina